Psicologa e Coach Visuale

Di che cosa si occupa una psicologa visuale?

Visual Psychology è la metodologia che traduce le teorie della psicologia e dello sviluppo organizzativo in costrutti visuali funzionali all’analisi delle dinamiche di gruppo, al coaching e alla formazione degli adulti.

Visual Psychology non è il semplice utilizzo di immagini in un processo di apprendimento, ma il disegnare in maniera dinamica e contestuale quello che emerge durante la sessione, traducendo in visuale i costrutti psicologici utilizzati e, soprattutto, quello che il gruppo o il coachee sta vivendo e sperimentando nel momento stesso in cui ciò avviene.

Tra i molti autori che si sono occupati dell’argomento “visuale” legato all’apprendimento ed al cambiamento conseguente: Jerome Bruner, psicologo cognitivo noto per il suo lavoro sull’apprendimento per scoperta e per l’importanza della rappresentazione visuale nella comprensione dei concetti; Howard Gardner e la sua teoria delle intelligenze multiple, che comprende anche la visuo-spaziale; John Medina, neurologo che sottolinea l’importanza del design per migliorare l’apprendimento; Daniel T. Willingham, cognitivista che spiega come lo stimolo all’apprendimento nasce da una curiosità, indotta o spontanea, che facilita quindi la memorizzazione e crea un legame emotivo con il contenuto.

Le icone e le immagini non sono forse i primi elementi che in un articolo attirano la nosta attenzione?

Risultati tangibili dell’uso della Psicologia Visuale:

– maggiore trasversalità sui diversi tipi di discente (ognuno di noi apprende in maniera diversa)

– aumento della curiosità e conseguentemente dell’ingaggio durante la sessione

– stimolo all’interazione giocosa con il trainer e i compagni, con conseguente abbattimento delle resistenze e dei protagonismi di ruolo

– semplificazione di contenuti complessi

– migliore persistenza del contenuto formativo o di riflessione, grazie alla sua fruizione immediata e tangibile ed al coinvolgimento emotivo

– superiore applicabilità al day by day lavorativo: le persone, anche incoraggiate a rappresentare visivamente ciò che hanno imparato, ragionano in modo pratico e creativo e ciò favorisce una connessione più profonda con i concetti.

 

Vuoi partecipare ad un esperimento di memoria?

Se ti chiedessi di riprodurre la mappa di questo sito, quanto ti ricorderesti?

……

Guardando questa mappa, invece, quanto riesci a memorizzare?

Qui invece il programma di una giornata dedicata al leadership team di un gruppo internazionale.

Il meeting, da me disegnato e condotto, aveva l’obiettivo di aiutare i manager a stringere relazioni più significative e ridurre i fraintendimenti legati alle differenze culturali.

 

Questa tecnica aumenta i contenuti in gioco, perchè non li schiaccia sotto ai nuovi, ma li tiene tutti a galla.